mercoledì 14 dicembre 2011

Osservare stelle e pianeti di giorno? é possibile!

Di giorno le stelle non si vedono.
Venere di giorno appare più brillante della Luna
La causa di tutto questo è da imputare alla combinazione tra l'intensa luce solare e la presenza dell'atmosfera che la diffonde in ogni direzione, illuminando il cielo diurno della bella colorazione azzurra (o bianca, se siete in pianura padana!) che possiamo tutti ammirare.

In un post precedente ho analizzato questo aspetto e vi avevo lasciato con una domanda: è possibile rendere il cielo diurno più scuro, così scuro da poter osservare almeno i pianeti e le stelle più brillanti?
Qualcuno di voi ci è arrivato, ed effettivamente una soluzione per rendere il cielo diurno più scuro c'è: visto che la diffusione da parte delle molecole d'aria dipende criticamente dalla lunghezza d'onda, risultando maggiore nel blu e via via minore verso il rosso, basta aumentare la lunghezza d'onda di osservazione per rendere arbitrariamente scuro il cielo, fino addirittura alla comparsa delle prime stelle.
Questa è la teoria; per la pratica dobbiamo prima fare il punto sulla situazione.

Pochi forse sanno che di giorno, ad occhio nudo e senza l'aiuto di alcun filtro, non è visibile solamente il Sole o la Luna, ma anche un pianeta, il più brillante del cielo: Venere.
Venere brilla di una luminosità così elevata che è possibile da osservare in pieno giorno ad occhio nudo, con un cielo trasparente e quando si trova abbastanza lontano dal Sole.
Voi potreste obiettare: "non mi è mai capitato di vederlo, perché?"
Perché l'occhio umano ha un problema piuttosto importante nell'avvistare un piccolo punto nel grande e brillante blu del cielo.
Non è un problema di luminosità di Venere, ma una mera questione di contrasto. Per questo motivo, se non sappiamo dove guardare entro un raggio di pochi gradi, non troveremo mai il pianeta.

Quando ci aiutiamo con una mappa e dei riferimenti terrestri e finalmente il nostro occhio cade nella zona in cui si trova il pianeta, ecco che magicamente si rende visibile senza alcuna difficoltà. A volte, quando il cielo è trasparente, ci si chiede addirittura come sia stato possibile non osservarlo fino a quel momento, talmente è evidente e brillante persino con la luca del Sole.
Ho osservato Venere ad occhio nudo di giorno per la prima volta ormai qualche anno fa. Il mio occhio ha fatto così tanta esperienza che lo scorso anno lo trovavo di giorno senza alcun problema in pochi secondi.
Non sto parlando di osservazioni al tramonto del Sole, quando il cielo è già scuro; sto parlando di avvistamenti alle 14 del pomeriggio, con il Sole bello alto nel cielo, e vi assicuro che veder brillare un oggetto di natura stellare nel blu del cielo rappresenta un'emozione davvero unica.

Venere è l'unico pianeta visibile di giorno ad occhio nudo e senza prendere accorgimenti.
Se utilizziamo un telescopio, possiamo osservare Mercurio, Marte e Giove, quando si trovano a debita distanza dalla nostra Stella.

Se ora applichiamo il trucco con cui abbiamo aperto questo post, ed inseriamo un filtro infrarosso accoppiandolo con una camera per riprese astronomiche (i nostri occhi non sono sensibili all'infrarosso), allora il cielo diventa così scuro che si rende visibile un Universo per troppo tempo ingiustamente offuscato dalla luce solare.
Venere mostra dettagli come se si osservasse di notte senza il disturbo solare.
Giove regala le inconfondibili bande e i satelliti galileiani.
Un filtro infrarosso con banda passante di 1000 nm (1 micron) rende il cielo così scuro che diventa possibile riprendere, con un telescopio di circa 20 centimetri, almeno tutte le stelle che di notte possiamo ammirare ad occhio nudo da un cielo scuro. E' possibile riprendere addirittura oggetti fino a poco tempo fa reputati impossibili da osservare, come le brillanti comete che transitano prospetticamente vicine al Sole.
Volete una prova di tutto questo? Questa di seguito è una carrellata di oggetti che ho ripreso di giorno, con il Sole alto nel cielo, con il mio telescopio da 235 mm ed un filtro infrarosso da 1 micron.

Con un filtro infrarosso le stelle si riprendono anche di giorno

Siete ancora convinti che di giorno non si possano vedere le stelle?

5 commenti:

  1. ecco, adesso mi devo mettere alla ricerca di venere di giorno! ogni tuo 3d è una scoperta! grazie

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Ricordo, Daniele, un vecchio articolo su L'Astronomia con anche grafico in merito alla magnitudine limite.
    .
    Bella pagina, la tua, che ci sprona a... tentar la ricerca. :)
    .

    RispondiElimina
  4. In Friuli è stato inventato dai ragazzi di Prima Luce Lab il telescopio che permette di vedere le stelle di giorno (anni fa)... dovreste darci un'occhiata. "Impossibile in Italia ci sia così poca rete..." (non credo non lo sappiate).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. QUello a cui si riferisce è un radiotelescopio, che è una cosa molto diversa rispetto a un telescopio e alle osservazioni nel visibile.

      Elimina